liguria      prima di partire      riviera di ponente       genova       riviera di levante       cinque terre       cucina      

Piatti tipici e tradizionali liguri

La cucina ligure è una cucina “magra” e povera, basata su ingredienti autoctoni, spezie, erbe e profumi. Sono ricette semplici e popolari, attente a valorizzare al massimo i pochi ingredienti presenti in questa regione schiacciata tra terra e mare e priva di pianura in cui allevare bestiame.

Terra e mare offrono elementi che vengono cucinati profumandoli con le erbe e i sapori che la terra dona a questa regione. È una cucina leggera e saporita, veramente mediterranea, anche grazie al contributo di un superbo e delicato olio extra vergine di oliva che condisce con gusto e misura i suoi piatti. Da ricordare le olive liguri, una vera prelibatezza, specialmente la varietà taggiasca, piccola e scura. Grazie alla sua flotta e ai suoi commerci sono stati importati alimenti di paesi lontani che sono poi diventati ingredienti di piatti della tradizione, come stoccafisso e baccalà. I piatti tipici sono: la celebre focaccia genovese, sottile e unta d’olio, fantastica da assaporare ancora calda, appena uscita dal forno. I veri genovesi la gustano anche la mattina intinta nel caffèlatte, buonissima! Provare per credere.
La superba focaccia al formaggio di Recco, due sottilissime sfoglie di pasta a velo farcite di formaggio molle. Si gusta rigorosamente a Recco.
La farinata, torta salata molto sottile, a base di farina di ceci, acqua e sale, cotta al forno a legna. Si gustava in tipici locali chiamati “Sciamadde”, ormai quasi completamente estinti. La farinata si trova anche nelle sue varianti con bianchetti, stracchino, salsiccia e cipolle. Nelle “sciamadde” o friggitorie, si trovano anche “friscieu”, “cucculli” e “panissette”, frittelle fritte servite come antipasto.
Da ricordare la grande varietà di torte salate a base di verdure, su tutte la mitica “torta pasqualina”, a base di carciofi.
Il cappon magro, un piatto misto di pesce e verdure. Il cundijun, un’insalata mista con uova, acciughe, olive e pane. Il preboggion, un’altra tipica insalata ligure. Il celebre minestrone alla genovese, con pasta corta e pesto. Le lattughe ripiene, verdure ripiene cotte al forno.
I primi piatti: troffie, trenette, lasagne al pesto, pansotti alla salsa di noci, ravioli al tocco e i “testaroli”, tipici dello spezzino. A Natale è tradizione servire i “maccheroni di Natale” in brodo.
Tra i secondi di pesce da ricordare la “buridda”, tipica zuppa di pesce, stoccafisso accomodato, baccalà in zimino, acciughe e sardine in tegame.
Secondi piatti di carne sono: la prelibata “cima alla genovese”, piatto estremamente ricco e complicato, vera chicca della cucina genovese, coniglio alla sanremese, pollo alla cacciatora, tommaselle.
Tra i dolci ricordiamo i tipici canestrelli, gli amaretti di Sassello e il pandolce genovese.


Vini

In Liguria vi sono pochi ma apprezzati vini. La difficoltà di lavorare le vigne, creando delle terrazze con muretti a secco, ha fatto sì che la produzione fosse molto limitata, in compenso si è cercata la qualità ed il mantenimento di vitigni autoctoni.

Vini Bianchi: Cinque terre, Colli di Luni, Golfo del Tigullio Vermentino, Bianchetta genovese, Valpolcevera di Coronata, Pigato, Vermentino della Riviera di Ponente, Lumassina e Colline di Levanto bianco
Vini Rossi: Colli di Luni Rosso, Ciliegiolo, Rossese di Dolceacqua, Ormeasco di Pornassio, Colline di Levanto rosso, Colline Savonesi Granaccia
Vini Passiti: Sciacchetrà.

Ristoranti in Liguria

In Liguria si mangia molto bene essendo la cucina ligure conosciuta e apprezzata in tutto il mondo. Alcuni suoi piatti sono vere star internazionali. I ristoranti in Liguria, generalmente, sono di buona qualità, si trovano anche molte trattorie ed osterie dove si può mangiare bene spendendo relativamente poco. Nei centri storici delle città si possono trovare ancora alcune antiche friggitorie, tripperie e “sciamadde”, negozi di torte e farinate veri e propri reperti d’epoca. Sulla costa e nei maggiori centri balneari generalmente i prezzi sono più cari e talvolta capita di imbattersi in qualche sgradita sorpresa. Nell’entroterra, generalmente si trovano sapori più genuini e sicuramente conti più economici.


Nessun commento inserito, lascia il tuo commento

perfeziona la tua ricerca


quasiasi data di partenza